martedì 27 settembre 2016

La Dea è una cooperativa sociale nata nel 2008 che offre servizi educativi e di sostegno alla famiglia e all’apprendimento.
 Ha come fine sociale il benessere delle donne, della famiglia, dei bambini e dei ragazzi; propone a tal fine servizi educativi e di sostegno alla genitorialità ed all’apprendimento con iniziative e progetti svolti in collaborazione con:
 - il Comune di Milano
 - UO.NPIA, servizio di neuropsichiatria dell'Ospedale di Niguarda
- Scuole primarie di primo grado Scialoia e Jenner (zona 9)
 -Scuola primaria di secondo grado Arcadia (zona 5)             

Soci Fondatori e Collaboratori:
Mandelli Anna, Presidente della cooperativa
Lasala Chiara, socia fondatrice, esperta in fundraising
Drei Silvia, psicomotricista-educatrice
Barni Paolo, biologo e professore di materie scientifiche nella scuola secondaria superiore con esperienza di educatore e sostegno ai ragazzi e bambini con DSA
Cicu Giulia Claudia, educatrice
Maraschi Barbara, logopedista che ha collaborato con UO.NPIA presso l’ospedale Niguarda, attualmente libera professionista
Papa Denise, educatrice
Sanguinetto Tamara, psicologa e psicoterapeuta specializzata in tematiche dell’educazione
Verzura Alessandra, logopedista ed educatrice

PROGETTI ATTUATI:
Collaborazione con la biblioteca civica di Affori per laboratori rivolte a bambini, ragazzi e famiglie:
- nel 2007 “A spasso con una linea”, laboratorio per genitori e bambini 0-3 anni;
- nel 2011 “E poi cosa succede qua?”, riadattamento e rielaborazione della fiaba “Vassillissa e la Babajaga”   laboratorio di lettura per genitori e bambini;
- nel 2014 mostra e laboratorio di attività espressiva per ragazzi 7-11 anni “Colorando Emozioni”;
anno 2008: partecipazione al bando “PIC URBAN II” indetto dal Comune di Milano e cofinanziato dall'Unione Europea; il bando viene vinto con il progetto “TATE”;
anno 2009: partecipazione ad un bando della Provincia di Milano e presentazione del progetto “LE ORME” che ha come obiettivo lo sviluppo ed il sostegno alla maternità e alla relazione bambino -genitore;
anno 2012: avvio del progetto “LA BUSSOLA”, in collaborazione con il servizio di Neuropsichiatria infantile UO.NPIA Ospedale di Niguarda, il Consiglio di Zona 9 e le scuole del territorio; si tratta di un servizio psico-educativo di sostegno allo studio dedicato a quei bambini segnalati dai servizi della zona e dalle scuole, poiché presentano un disagio o un disturbo del comportamento;
anno 2013: partecipa e si aggiudica un bando indetto dal Comune di Milano con il progetto “VARIEVIE”, una struttura all'interno della quale vengono svolte attività ed iniziative dedicate all’infanzia, preadolescenza, adolescenza e ai giovani più in generale finalizzate all’aggregazione ed all’integrazione.



PROGETTI FUTURI
1. Proseguimento del progetto “La Bussola” che, grazie al contributo della “Fondazione Cariplo”, viene realizzato anche in zona 5 con il Consiglio di zona e le scuole del territorio ed è rivolto ai ragazzi delle scuole primarie di secondo grado;
2. Un progetto che vede protagonisti i pre adolescenti e i loro devices da cui sono oramai inseparabili, per invitarli a trasformarsi “da soggetti passivi a fruitori attivi dello smartphone”. Il progetto vuole analizzare e valorizzare la comunicazione tra generazioni ed il concetto di bello attraverso un concorso di fotografia;
3. Un progetto di guida e sostegno allo studio inteso come approccio metacognitivo al testo scritto, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi didattici richiesti dalla scuola primaria e secondaria di primo grado.
4. ottobre 2016 collaborazione con la biblioteca civica di Affori nella realizzazione di un laboratorio dedicato ai bambini e ai ragazzi sulla fiaba del pittore Caimi e lo scrittore Eco dal titolo “I 3 cosmonauti”:



Si dichiara di essere a conoscenza che ai sensi dell’art.76 del DPR 445/2000, le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di dati falsi sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali. Si autorizza al trattamento dei dati personali secondo quanto previsto dalla Legge 196/03.



Con il mio sguardo
 la bellezza nello sguardo di chi osserva 




Nell’attuale contesto storico e sociale l’immagine rappresenta un canale di comunicazione privilegiato.
In un sociale sempre più virtuale, tecnologico e veloce il nostro obbiettivo è “far 
posare lo sguardo” sulle cose e su sé.
IL laboratorio è rivolto ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado per i quali riteniamo, sia importante imparare a condividere esperienze e pensieri, anche sperimentando nuovi medium di scambio
La nostra scelta operativa consiste nell’utilizzare il medium comunicativo rappresentato dal cellulare/smartphone, oggetto che appartiene in modo pregnante alla nostra contemporaneità e che, in particolare per i ragazzi dell’età da noi considerata, assume significati e valenze importanti.
La nostra attenzione è rivolta in particolare al dispositivo fotografico e al fare fotografie


Lo scatto può rappresentare la possibilità di espressione creativa, pretesto per raccontare, condividere un’esperienza e sviluppare senso critico. La possibilità di fermarsi sull’immagine può divenire anche occasione di conoscenza e di nuove consapevolezze per i ragazzi, inoltre dare vita ad uno spazio di riflessione educativa da parte degli adulti. 
Lo smartphone è lo strumento per eccellenza per dare voce a questo    progetto non solo perché la stragrande parte dei ragazzi ne sono dotati, ma anche perché ha assunto una valenza importante in termini
di auto-presentazione e relazione con i coetanei.
Lo scatto fotografico, indifferentemente che poi venga postato su Insgram o condiviso via WhatsApp o Snapchat, racconta dell’autore:

-   Chi è:  l’espressività creativa tout-cour
-   Cosa fa:  la condivisione di un’esperienza
-   Come sta:  la sua condizione emotiva
-   Cosa pensa:  consapevolezza della sue esperienza quotidiana

La nostra proposta si configura come una analisi conoscitiva dell’idea di bello e di bellezza che è custodita al proprio interno, fra le miriadi di emozioni, belle e brutte, che permeano i ragazzi, per aiutarli a darvi forma attraverso una narrazione per immagini e per aiutarci ad entrare un po nel loro sentire.

Il progetto ha partecipato ad un Bando indetto dall"Istituto Cavalieri di via Anco Marzio a Milano ed è stato oggetto di valutazione dall'Associazione genitori dell'Istituto Comprensivo Statale Don Orione di Affori


mercoledì 7 maggio 2014

Asilo nido Varievie


L'Asilo nido di VARIEVIE nasce dall'esperienza decennale de La Dea Cooperativa Sociale, attiva dal 2004, in zona 9, nella gestione di Servizi all'infanzia ed alla famiglia.


Offriamo un servizio flessibile, che consente alle famiglie di utilizzare la  struttura sia per due mezze giornate alla settimana, sia per mezza  giornata tutti i giorni escludendo il pasto , oppure per la giornata piena  dalle ore 8 alle ore 16,30 con la possibilità di un pre e post scuola.
Il nostro progetto educativo valorizza il corpo e le esperienze sensoriali, rispettando la personalità e le energie di ogni bimbo. IL personale è specializzato e preparato per, accompagnare i bambini nella loro crescita e sviluppo quotidiano valorizzando gli aspetti comunicativi, di socializzazione e di mediazione che fanno Della vita al nido un'esperienza di grande valore educativo.
L'organizzazione della giornata rispetta i ritmi biologici del bambino, del pasto, del riposo, i momenti dell'accoglienza e i suoi bisogni educativi.
I progetti pedagogici che tutto il team progetta sono volti a far sperimentare ai bambini una molteplicità di esperienze sensoriali, motorie e cognitive documentate di anno in anno ai genitori attraverso supporti video
E' con il gioco che i bambini vanno al cuore delle cose ed è giocando che realizziamo laboratori :
·         percorsi sensoriali
·         manipolazione
·         pittura
·         gioco simbolico
·         inglese
·         musica


Consideriamo importante che tra nido e famiglia si stabilisca un rapporto di scambio e collaborazione perchè mettere in comune gli intenti educativi aiuta il bambino a sentire che esiste un “filo” che tesse la trama delle sue diverse esperienze. Per questo accompagniamo i genitori con incontri mensili sulla avventura di essere genitori ed incontri trimestrali sullo svolgersi delle attività al nido, siamo sempre a disposizione per incontri individuali.



Nelle belle giornate possiamo utilizzare il grande ed attrezzato giardino antistante allestito con vasche di acqua e sabbia e con uno spazio verde per far crescere piante e fiori..
La cucina interna è prevalentemente biologica
L’Asilo nido di offre i propri servizi da settembre ad agosto incluso.
L'orario di apertura previsto è dalle ore 8,00 alle ore 16,30.
Pre scuola dalle ore 7,30; post scuola 16,30 alle 18,30 La giornata è così suddivisa :
·         8,00 - 9,15 accoglienza
·         9,15 - 9,35 piccola merenda a base di frutta
·         10,00 11,30 attività srutturata
·         11,30 - 12,00 cura del corpo e cambio
·         12,00 12,30 uscita dei bimbi che non pranzano
·    12,30 - 13,00 pranzo
·         13,00 cura del corpo e cambio
·    13,15- 13,30 uscita
·    13,30 - 15,30 riposo
·         15,30 -    16,00 cura del corpo e cambio,
·         uscita per i bimbi che non rimangono a merenda 16,00 - 16,30 merenda


2.           Costi e modalità di pagamento. Le iscrizioni si aprono a gennaio fino ad esaurimento disponibilità posti, dopodicchè viene                                    compilata  una  lista d'attesa gestita in ordine cronologico di iscrizione. Le nuove iscrizioni sono soggette al versamento di una  quota              annuale pari           a             250,00       euro,     le conferme di iscrizione per il nuovo anno 150,00 euro. Le quote di iscrizione non potranno    essere rimborsate in caso di recesso. Le rette devono essere saldate mensilmente da settembre a luglio incluso, anche nel caso di non frequenza di tutto il periodo. Le quote di            contribuzione mensile dovranno essere versate anticipatamente entro il 30 del mese precedente  a quello di frequenza. In caso di non pervenuto pagamento entro il 5 del mese
successivo, verrà applicata una mora pari al 2%
Le quote di contribuzione mensili,variano a seconda della frequenza e della fascia oraria come segue:
Frequenza due volte a settimana
8,30/9,00 alle 12,30/13,00
180 euro
Tutti i giorni,
8,00 / 12,00
senza pasto
300 euro
metà giornata
8,0013,30
pasto incluso
450,00 euro
uscita
15,30 - 16,00
550,00 euro
uscita
16,3017,00
merenda inclusa
600,00 euro



Servizi inclusi:
·         sono inclusi nei servizi offerti i pannolini, le merende offerte ai bambini a metà mattina e a metà pomeriggio, il pasto di mezzogiorno, i prodotti per l'igiene intima e personale e l'assicurazione R.C.
·         Deleghe: ogni bambino che frequenta il nido sarà consegnato all'uscita solo ai genitori. Altre persone, se maggiorenni, potranno ritirare il bambino previo un atto di delega, con relativo documento di identità che attesti la reale identità del delegato.
·         Corredo personale: per motivi di praticità si richiede un abbigliamento comodo che favorisca e permetta l'acquisizione dell'autonomia da parte dei bambini. Ogni bambino dovrà avere due sacche, una da lasciare al nido contenente 2 cambi e una per l'abbigliamento sporco. Ogni capo dovrà essere contrassegnato con nome e cognome del bambino.
·         Assenza e frequenza, sospensione del servizio. I bambini con assenze superiori ad un mese e non giustificate potranno essere depennati dai registri del nido, previa comunicazione. Il mancato pagamento della retta mensile fa decadere il diritto alla frequenza del nido e lascia la Direzione libera di attribuire ad un altro bambino in lista di attesa il posto relativo, rimane l'obbligo di corrispondere l'importo delle rette dovuto.
·         Alimentazione: la tabella dietetica del nido è formulata da dietisti pediatri. Si ricorda che al nido non deve essere introdotto  alcun genere alimentare proveniente dall'esterno. Nel caso di richiesta di diete speciali, il genitore deve inoltrarla corredata da certificato medico con indicata la diagnosi e la durata della dieta.
·         All'interno del nido non è possibile somministrare nessun tipo di farmaco, è concessa la tachipirina solo in caso di prescrizione medica